Ecografia al seno e mammografia, quali le differenze?

Quando si parla di salute del seno e degli esami da fare per la prevenzione dei tumori della mammella non è raro avere dubbi su quali siano gli esami giusti da fare. Il nostro radiologo, Dott. Lorenzo Patrone ci spiega quale sia la differenza in particolare tra ecografia al seno e mammografia e a quale età è importante sottoporsi a questi esami.

“L’ecografia mammaria è un esame eseguito attraverso l’utilizzo degli ultrasuoni mentre la mammografia è un esame radiografico. Il primo viene utilizzato soprattutto per valutare la mammella nella sua struttura adiposa e fibrosa. È molto utilizzato nelle donne giovani perché consente di individuare strutture come la mastopatia fibrocistica o i fibroadenomi, che sono noduli benigni di consistenza fibrosa.

La mammografia è invece mirata all’individuazione di micro-calcificazioni o noduli di piccole dimensioni soprattutto in donne che hanno una mammella in involuzione, quindi con più di 40 anni”.

Quando ci si deve sottoporre a un’ecografia mammaria?

“Il consiglio è che vi si sottopongano le donne giovani, idealmente a cadenza annuale, ma in alcuni casi particolari, quando ad esempio si vuole valutare l’eventuale aumento dimensionale di qualche nodulo, può anche richiedersi una ripetizione semestrale”.

E la mammografia, quando deve essere fatta?

“La mammografia viene consigliata di solito dopo i 40 anni. In presenza di una familiarità per tumore alla mammella, però, è bene che l’esame venga anticipato attorno ai 35/38 anni”.

Dott. Lorenzo Patrone, radiologo